Pahor da Mattarella: dialogo per la riconciliazione (video)

0
Pahor da Mattarella: dialogo per la riconciliazione (video)
Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella accoglie Borut Pahor, Presidente della Repubblica di Slovenia (foto di Francesco Ammendola - Ufficio per la Stampa e la Comunicazione della Presidenza della Repubblica) / Fonte www.quirinale.it


(Fonte del video: www.quirinale.it)

Il Presidente della Repubblica Italiana, Sergio Mattarella, ha ricevuto questa mattina al Quirinale il Capo dello Stato sloveno, Borut Pahor, intrattenendolo successivamente a colazione. Il Presidente della Repubblica di Slovenia si è recato in visita di commiato a Roma su invito di Mattarella. Il 23 dicembre, infatti, Pahor concluderà il suo secondo e ultimo mandato presidenziale e s’insedierà ufficialmente la neoeletta Presidente della Repubblica di Slovenia, Nataša Pirc Musar. Il Capo dello Stato uscente conclude i suoi impegni presidenziali con un occhio di riguardo per i Paesi vicini. Dopo la visita ufficiale a Zagabria è arrivato oggi l’ultimo viaggio all’estero, quello a Roma.
Pahor e Mattarella, durante i loro mandati, hanno intrattenuto stretti rapporti con un dialogo continuo incentrato sul rafforzamento delle relazioni d’amicizia fra i due Paesi e sul superamento della difficile eredità storica, con l’occhio rivolto alla riconciliazione nell’Alto Adriatico.
Il Presidente Borut Pahor ha ringraziato il titolare del Quirinale per l’ottima collaborazione e il sincero impegno per il consolidamento delle relazioni d’amicizia tra i due popoli e Stati vicini. Ha ricordato in particolare le iniziative congiunte indirizzate alla riconciliazione, ovvero al superamento di almeno alcuni nodi del comune passato. Come non rammentare la data storica del 13 luglio 2020, quando i due Presidenti assistettero insieme alla firma del memorandum sulla restituzione del Narodni dom alla Comunità slovena e resero poi omaggio congiuntamente alla Foiba di Basovizza e al Monumento in ricordo delle vittime slovene. Come non ricordare ancora la visita dei due Capi di Stato a Gorizia e Nova Gorica nell’ottobre del 2021 e la decisione relativa al patrocinio congiunto della Capitale europea della Cultura 2025 che vede insieme le due realtà goriziane. Non va dimenticata nemmeno la presenza di entrambi i Presidenti all’inaugurazione al monumento ai Caduti della Prima guerra mondiale a Doberdò nell’ottobre del 2016. Anche con il Presidente Giorgio Napolitano, Borut Pahor aveva avuto una serie di incontri, incentrati sempre sul rafforzamento dei rapporti bilaterali, sulla riconciliazione e perché no sulla valorizzazione di un’area di frontiera multilingue e multiculturale, che rappresenta un vanto e un elemento di congiunzione per entrambi i Paesi.
Ricordiamo pure che al Presidente uscente della Repubblica di Slovenia è stato conferito a Trento il premio internazionale “Alcide De Gasperi: costruttori d’Europa”, come riconoscimento per il suo operato a favore della comprensione e della collaborazione tra i popoli. In quest’occasione Sergio Mattarella, ha inviato un messaggio in cui ha sottolineato che il Presidente Borut Pahor è uno dei protagonisti del processo che ha saputo unire in modo autentico la parte occidentale a quella orientale del Vecchio continente “e, oggi, ci ricorda costantemente come l’unità europea aspetti il completamento del legame con i Paesi dei Balcani Occidentali”. “La Repubblica Italiana – ha proseguito il titolare del Quirinale nel suo messaggio – nutre nei suoi confronti rispetto e riconoscenza per l’importante contributo recato alla amicizia fra i nostri due popoli e alla coesione dell’Europa”.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.

No posts to display