Mega-debito ospedali: bloccati i rifornimenti. A pagare forse i cittadini

La sede della Medika a Zagabria

La società Medika, uno dei principali fornitore all’ingrosso di farmaci in Croazia ha interrotto la fornitura di medicinali agli ospedali pubblici. Il motivo? Il debito contratto dagli istituti sanitari nei suoi confronti, ossia 2,1 milairdi di kune. Anche Oktal Pharma annuncia  la sospensione delle consegne di farmaci. il ministro della Sanità ha confermato che nel corso della giornata di mercoledì lui e il vicepremier Marić incontreranno i rappresentanti dei fornitori di farmaci. Beroš non ha voluto sbilanciarsi e svelare i dettagli del piano messo a punto dai Banski dvori. Si è limitato a spiegare che l’offerta che sarà messa sul piatto sarà tesa a risolvere il problema per un periodo limitato nel tempo (alcuni mesi). Interpellato sulla possibilità che il piano contempi l’aumento dei costi dell’assistenza sanitaria Beroš ha ammesso che in prospettiva potrebbe essere necessario aumentare l’importo dei contributi destinati alla copertura di tali spese. In Croazia, si ricorda l’aliquota delle trattenute fiscali destinate al finanziamento dell’assicurazione sanitaria pubblica ammonta al 16,5 p.c. del reddito dei cittadini.

Facebook Commenti