Nino Kernjus è la prima vittima di coronavirus in Croazia

Il ministro della Salute annuncia l'invio degli ispettori sanitari per verificare le accuse mosse dalla famiglia del noto ristoratore di Verteneglio

Nino Kernjus nel suo ristorante Astarea di Verteneglio

Nino Kernjus è la prima vittima di coronavirus in Croazia. Il noto ristoratore di Verteneglio, deceduto nella notte tra martedì e mercoledì, aveva contratto il Covid-19, venendo a contatto con un’altra persona contagiata. Ricorderemo che mercoledì 18 marzo nel corso della consueta conferenza stampa della Protezione civile della Regone istriana era stato detto che Kernjus si trovava in autoisolamento e che aveva rifiutato il ricovero, notizia poi smentita dalla famiglia del ristoratore (qui l’articolo).
“Nel corso della giornata saranno effettuate ulteriori attività che ci permetteranno di avere un quadro completo sulle condizioni di salute dell’uomo e che ci faranno capire se aveva delle malattie pregresse, ossia se è stato proprio il coronavirus la causa del decesso”, ha dichiarato Alemka Markotić, direttrice dell’Ospedale per le malattie infettive Fran Mihaljević di Zagabria e membro della task force nazionale. “In base alle informazioni in nostro possesso non ci sono stati errori nell’operato del sistema sanitario”, ha aggiunto.
Dino Kozlevac, responsabile della task force della Regione istriana, ha dichiarato di essere in contatto con la famiglia Kernjus. “In questo momento la cosa più importante è rispettare il lutto della famiglia, mentre su tutto il resto ci sarà tempo per fare chiarezza”.
Il ministro della Salute, Vili Beroš, invierà in Istria gli ispettori sanitari per capire quanto è successo nel caso di Nino Kernjus.

Facebook Commenti