Covid. Datori di lavoro: multe da 20 a 70mila kune

Krunoslav Capak, direttore dell'Istituto nazionale per la salute pubblica

Vanno da un minimo di 20mila (2.600 euro) a un massimo di 70mila kune (9.300 euro) le multe per i datori di lavoro che non si atterranno alle misure restrittive apportate lunedì 12 ottobre dalla task force nazionale. Lo ha confermato Krunoslav Capak. Il direttore dell’Istituto nazionale per la salute pubblica e membro dell’Unità di crisi della protezione civile nazionale ha spiegato che le misure finora “venivano raccomandate ai cittadini e ai datori di lavoro, mentre da oggi diventano obbligatorie”. Capak ha aggiunto che nella stesura delle restrizioni ha preso parte anche l’ispettore capo Mikulić. “Spetterà all’Ispettorato di Stato effettuare i controlli sul rispetto delle misure e, nel caso non venissero adottate, le persone giuridiche rischiano grosso”.

«Niente multe ai cittadini. Per ora…»

Il membro della task force, parlando alla Nova Tv, ha ribadito che in “questo momento non esiste una disposizione di legge che permetterebbe di multare i cittadini, però nella legislazione è previsto un collegamento che lo permetterebbe: è attualmente in fase di discussione”.
Capak ha parlato anche dell’orario di lavoro dei locali. “Martedì 13 ottobre sarà presa una decisione in tal senso e sarà valida per tutto il territorio croato”. Si va verso la chiusura alle 23 di tutti i bar e i ristoranti.

Facebook Commenti