Milanović: «Austria, misure fasciste». Vienna convoca l’Ambasciatore croato

0
Milanović: «Austria, misure fasciste». Vienna convoca l’Ambasciatore croato
Il Presidente della Repubblica, Zoran Milanović

“In Austria vietano ai non vaccinati di uscire di casa: si tratta di scienza o di metodi che ci riportano indietro agli Anni ’30 e al fascismo”. Questa dichiarazione del Presidente della Repubblica, Zoran Milanović, fatta lunedì 15 novembre durante la vista a Papa Francesco, ha mandato su tutte le furie il governo austriaco. Perciò, Vienna ha deciso di convocare l’Ambasciatore croato nella capitale austriaca, Daniel Glunčić, esprimendogli tutto lo stupore per le parole del Presidente.
“Nell’ultimo periodo faccio fatica ad accettare questa frenesia epidemiologica senza alcun argomento – aveva detto il Capo dello Stato durante il suo soggiorno in Vaticano -. Non si può paragonare la scoperta del vaccino, che è un grandissimo obiettivo raggiunto dalla scienza, con queste stupidaggini di misure restrittive”.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.

No posts to display