Migranti. La Slovenia rafforza pattugliamenti al confine con la Croazia

Un gruppo di migranti sulla cosiddetta rotta balcanica

A causa del crescente numero dei passaggi illegali ai valichi di frontiera con la Croazia, da questa settimana la polizia slovena rafforzerà i controlli del confine di Stato. Il Ministero degli Interni di Lubiana spiega la decisione ritenendo ci siano decine di migliaia di migranti illegali sulla cosiddetta rotta dei Balcani, che dalla Bosnia ed Erzegovina passano in Croazia e poi in Slovenia attraverso l’altopiano carsico, come testimoniano le decine di intercettazioni di migranti fatte nell’area nei giorni scorsi.
Oggi, martedì 2 giugno, una sessantina di migranti sono stati intercettati in Carso nel territorio di Dolina: si tratta di gruppi di uomini, tutti di nazionalità afghana, tra i quali anche alcuni minori. Tutti sono risultati essere in buone condizioni di salute.

Facebook Commenti