Meteo. Clima autunnale, poi sarà estate

Una famiglia sulla splendida spiaggia di Medea, vicino a Fiume.

Dopo una fase relativamente tranquilla (seppur spezzata da qualche insidioso rovescio pomeridiano, come quello di ieri martedì 2 giugno che ha investito Fiume) e una graduale risalita della colonnina di mercurio che ha caratterizzato gli ultimi due giorni, qualcuno stava già pregustando un inizio d’estate in grande stile (quella meteorologica è scattata lunedì). Peccato però che alla fine rimarrà deluso. Infatti, un profondo vortice di bassa pressione in discesa dal Nord Europa è pronto a investirci nelle prossime ore, portando in dote piogge intense, temporali, grandinate e forte vento. Ma andiamo con ordine. Oggi, mercoledì 3 giugno, intanto ci attende una giornata ancora all’insegna del bel tempo e della stabilità atmosferica. In serata però il rinforzo della ventilazione meridionale e un repentino aumento della nuvolosità saranno il preludio a un deciso peggioramento, che già nella notte porterà le prime deboli piogge. Domani l’impulso perturbato terrà tuttavia il suo baricentro ancora un po’ distante, perciò avremo condizioni variabili con precipitazioni a intermittenza. Ma è venerdì che il nucleo instabile colpirà con tutta la sua violenza. Le piogge localmente saranno abbondanti e insisteranno per tutta la giornata, lo scirocco sarà forte e potrebbe causare delle mareggiate ma, soprattutto, lo scontro con masse d’aria più fredde potrebbe innescare fenomeni più estremi come bombe d’acqua, grandinate e un’accentuata attività elettrica. Per quanto riguarda le temperature, anche queste subiranno un deciso calo, con massime che si manterranno sotto i 20 gradi. Per un attimo avremo quindi la sensazione di essere ripiombati in autunno. Ma la buona notizia è che la perturbazione inizierà poi a scivolare rapidamente verso levante, spianando la strada alla rimonta dell’alta pressione pronta a regalarci un weekend più stabile e soleggiato, oltre che a favorire la risalita dei termometri.

Facebook Commenti