Markotić ai no vax: «In intensiva il 90% non è vaccinato»

Alemka Markotić, direttrice dell'ospedale Dr Fran Mihaljević di Zagabria e membro della task force nazionale per la lotta al coronavirus. Foto Goran Stanzl/PIXSELL

“Venerdì scorso abbiamo analizzato la situazione negli ospedali e siamo giunti alla conclusione che le terapie intensive sono ormai al limite e che il 90% dei pazienti attaccati al respiratore non era stato vaccinato”. Lo ha detto Alemka Markotić, direttrice dell’ospedale “Dr. Fran Mihaljević” di Zagabria e membro della task force nazionale, in una intervista al quotidiano fiumano Novi list.  “Non dobbiamo dimenticare che l’autunno bussa alle porte, periodo dell’anno quando il virus circola più facilmente – ha aggiunto Markotić – La gente ora trascorrerà più tempo negli spazi chiusi, in ufficio, a scuola… E il target principale del Covid saranno soprattutto le persone che non vogliono immunizzarsi”.
Parlando delle proteste dei no vax e dei no mask, la dottoressa ha sottolineato: “Coloro che manifestano devono essere consci del fatto che ogni persona che chiede un diritto e una libertà per sé, deve pensare se in questo modo mette in pericolo i diritti e la libertà degli altri a essere sani, liberi, vivi…”.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.