Marić sotto i riflettori

Vacanza sulla barca di Pavičić. La Commissione per il conflitto d’interessi avvia le indagini

Il ministro delle Finanze, Zdravko Marić

È mai possibile che Zdravko Marić, il ministro forse più popolare degli ultimi governi, colui che dirige un dicastero chiave come quello delle finanze, possa scivolare sulla buccia di banana di una banale vacanza sulla barca di un amico? I più tendono a escluderlo, anche se non mancano sulla stampa coloro che gridano allo scandalo e vorrebbero magari la testa del ministro, a cui però praticamente tutti riconoscono il merito di aver tenuto sotto controllo le finanze pubbliche in un periodo tutt’altro che facile. Fatto sta che la Commissione per il conflitto d’interessi ha aperto un fascicolo sul conto di Zdravko Marić. Questo – come ha rilevato la presidente della Commissione, Nataša Novaković – permette di avviare ufficialmente le indagini e di appurare i fatti. Che sono gli unici che contano. Nataša Novaković ha ammesso che l’interesse dell’opinione pubblica per la vicenda è elevato e si detta convinta che Marić, in omaggio al principio della trasparenza, avrebbe dovuto svelare subito il nome dell’amico sul cui panfilo si è recato in crociera. “I funzionari dovrebbero essere consapevoli di essere sempre sotto i riflettori dell’opinione pubblica. Pertanto devono stare attenti anche con chi intrattengono rapporti d’amicizia. È questo un onere inevitabile per chi ricopre incarichi pubblici”, ha sottolineato la presidente del Commissione per il conflitto d’interessi. L’amico in questione, lo ricordiamo, è l’imprenditore fiumano Blaž Pavičić. A questo proposito il ministro delle Finanze ha evidenziato che il suo amico non ha debiti verso il fisco e nemmeno ha ottenuto prestiti dalla Banca croata per il rinnovamento e lo sviluppo. Quella crociera in barca è stata soltanto una parte delle mie vacanze di due settimane”, ha concluso Marić.

Facebook Commenti