Mappa Ecdc. Slovenia tutta in rosso-scuro. La Croazia resta rossa

La Croazia è rimasta tinta di rosso sulla mappa del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc). Come ha evidenziato il premier Andrej Plenković durante la riunione del governo di oggi, giovedì 23 settembre, il numero dei neocontagiati continua a crescere, come pure quello delle ospedalizzazioni e dei decessi. Inoltre gran parte delle persone ricoverate e di quelle decedute risulta non vaccinata. Per tale motivo il premier ha rinnovato l’appello ai cittadini che non si sono ancora immunizzati a rivedere la loro decisione e a farsi somministrare il farmaco. Andrej Plenković ha ammesso che fra quanti sono deceduti o sono stati ospedalizzati vi sono anche dei vaccinati, ma ha fatto presente che si tratta di persone avanti con gli anni oppure in pessime condizioni di salute che in pratica sono morte per comorbidità.

Va peggio alla Slovenia, che da oggi è tutta in rosso-scuro. Ricorderemo che in base ai parametri dell’Ecdc una zona o tutto il Paese vengono colorati con questo colore se il tasso di notifica del caso Covid cumulativo di 14 giorni è pari o superiore a 500.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.