Litorale sloveno. Maturandi: vaccini facoltativi in vista degli esami

In vista della prima parte della prova scritta del 4 maggio, ai maturandi è offerta la possibilità di sottoporsi venerdì 23 aprile al vaccino anti-Covid. La vaccinazione è volontaria e non rappresenta una condizione per poter sostenere gli esami di maturità e ottenere il diploma. La categoria è stata inserita, infatti, assieme agli insegnanti e al personale scolastico coinvolto nelle prove di esame, nel gruppo prioritario secondo la strategia nazionale delle vaccinazioni, aggiornata a più riprese.
L’Istituto Nazionale della Salute Pubblica ha ricevuto un ordine per 2.625 dosi di vaccino che include pure alcuni ragazzi che a breve sosterranno gli esami conclusivi del loro percorso scolastico medio superiore negli istituti della CNI. Nei due ginnasi italiani presenti sul territorio, “Gian Rinaldo Carli” di Capodistria e “Antonio Sema” di Portorose, secondo quanto riferito dalle presidi Luisa Angelini Ličen e Aleksandra Rogić circa la metà degli allievi delle quarte classi si vaccinerà, percentuale leggermente più alta rispetto alla media nazionale. La situazione risulta più incerta, invece, presso la scola media superiore tecnico-professionale “Pietro Coppo” di Isola, visto che i ragazzi che affronteranno gli esami per ottenere la licenza professionale non sono stati inseriti e contemplati dalla nuova strategia di vaccinazione.
“A tutto martedì, non abbiamo avuto delucidazioni da parte dal Ministero competente a riguardo. Nel nostro istituto sono 21 i ragazzi all’ultimo anno, di questi la metà affronterà l’esame di licenza”, ha spiegato il preside Alberto Scheriani.
Tra i maturandi della “Coppo” al momento sono tre gli allievi che hanno deciso di farsi vaccinare venerdì.

Facebook Commenti