L’Italia blocca l’export di 250mila dosi del vaccino AstraZeneca in Australia

L’Italia ha bloccato l’invio di 250mila dosi del vaccino AstraZeneca-Oxford destinate all’Australia. Roma ha notificato a Bruxelles la sua proposta di blocco alla fine della scorsa settimana in virtù delle leggi sulla trasparenza delle esportazioni di vaccini anti-Covid al di fuori dell’Unione. A riportarlo è il Financial Times. Si tratta della prima volta che viene applicato il dispositivo previsto dal nuovo regime di controllo Ue, creato dopo la decisione di AstraZeneca di tagliare le forniture concordate alla Ue nel primo trimestre. L’annuncio della casa farmaceutica britannica aveva suscitato il sospetto che una parte della produzione di vaccini destinati alla Ue venisse dirottata su altri Paesi. Roma ha bloccato l’export delle dosi vista la carenza di vaccini in Europa e in Italia, i ritardi nelle forniture di AstraZeneca e l’elevato numero di dosi da esportare rispetto a quelle fornite all’Italia e all’Ue. Inoltre nella considerazione del blocco si è tenuto conto che l’Australia non è un Paese vulnerabile.

Facebook Commenti