L’elisoccorso esteso ora a tutta la Dalmazia

L'eliporto dell'ospedale di Ragusa (Dubrovnik)

In occasione dell’inizio del servizio di elisoccorso che si protrarrà finalmente per tutto l’arco dell’anno, nella Regione raguseo-narentana ieri si è svolta un’esercitazione dimostrativa all’eliporto vicino all’ospedale generale di Ragusa (Dubrovnik).
Il presidente della Regione raguseo-narentana, Nikola Dobroslavić, ha affermato che “il servizio è estremamente importante perché, senza di esso, è impossibile trasferire entro 60 minuti (ossia entro l’ora d’oro), un paziente in gravi condizioni dalle zone più distanti del comprensorio fino alle istituzioni sanitarie di Ragusa e Spalato dove gli verranno fornite le cure appropriate. Ora i residenti della nostra Regione hanno le stesse condizioni in quanto a soccorso in tempi rapidi, come tutti gli altri cittadini della Croazia e dell’Unione europea”.

Rispettata «l’ora d’oro»

In chirurgia d’urgenza, lo ricordiamo, la “golden hour” (letteralmente l’ora d’oro) si riferisce al periodo di tempo che va da pochi minuti a diverse ore dopo una lesione traumatica causata da un incidente, durante il quale vi è la più alta probabilità che un pronto trattamento medico possa evitare la morte. È ben noto che le possibilità di sopravvivenza di una vittima sono maggiori se si ricevono cure tempestive. E l’elisoccorso svolge un ruolo determinante in quest’ambito.

Subito due interventi urgenti

La direttrice dell’Istituto croato di medicina d’urgenza, Maja Grba-Bujević, ha affermato che già nei primi due giorni è stato confermato che il servizio è necessario, perché vi sono stati subito due interventi, a Metković e Janjina. Ha aggiunto che ce ne saranno di più con l’avvicinarsi della stagione turistica.

Basi a Veglia, Divulje e Čilipi

Ha ricordato in questo contesto che partendo dalle basi di Veglia, Divulje e Čilipi, il servizio di elisoccorso copre l’intera area costiera e le isole croate dell’Adriatico orientale.
Il servizio di elisoccorso nella Contea raguseo-narentana è finanziato dal Ministero degli Interni, dal Ministero della Sanità e dalla Contea raguseo-narentana. Il dicastero degli Interni ha messo a disposizione l’elicottero con l’equipaggio e quello della Sanità il personale sanitario.

Facebook Commenti