Lavrov su Milanović: «Onesto e sincero». Scoppia la polemica

0
Lavrov su Milanović: «Onesto e sincero». Scoppia la polemica
Il Presidente della Repubblica, Zoran Milanović

“Onesto e sincero“. Il ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov, ha definito con queste parole il Presidente della Repubblica di Croazia, Zoran Milanović. La dichiarazione del capo della diplomazia di Mosca è arrivata dopo che domenica scorsa il Capo dello Stato croato aveva affermato che quello che sta succedendo in Ucraina “è una guerra della Nato” poiché Washington e l’Alleanza atlantica “portano avanti, indirettamente tramite l’Ucraina, il conflitto con la Russia”. “Si tratta di una dichiarazione onesta e sincera”, ha sottolineato Lavrov nel corso della sua conferenza stampa annuale.

Inutile dire che la sortita del capo della diplomazia moscovita ha suscitato immediatamente reazioni e polemiche. Incalzato dai giornalisti il leader socialdemocratico (Sdp), Peđa Grbin, si è limitato a dire che l’unica cosa esatta è che la guerra è il frutto dell’aggressione russa contro l’Ucraina: “La Russia ha attaccato l’Ucraina. Come la Serbia a suo tempo ha attaccato la Croazia, così la Russia ha ora attaccato l’Ucraina. Tutto il resto non m’interessa”. Ivana Kekin, del gruppo parlamentare dei Verdi e della sinistra, ha sottolineato che chiunque dovrebbe preoccuparsi se a lodarlo è un alto funzionario di un Paese che già da quasi un anno sta aggredendo il territorio di un altro Stato, con enormi danni e grandi perdite di vite umane. Dario Hrebak dell’Hsls ha rilevato invece che il Presidente della Repubblica, Zoran Milanović si è andato a cercare da solo i problemi con le sue “esternazioni maldestre dalle quali si sarebbe potuto pensare che lui davvero faccia il tifo per la Russia”.
Nikola Grmoja del Most, ha detto che non gli interessa che cosa dice Milanović, ma ha tenuto a ribadire che l’opposizione al Sabor non è contro l’Ucraina in quanto ha condannato con chiarezza l’aggressione russa. Duro invece il commento del deputato Hdz, Damir Habijan, il quale ha rilevato che Milanović e Lavrov fanno uso della stessa retorica in relazione all’aggressione russa all’Ucraina e ha aggiunto che il Capo dello Stato ha rilasciato diverse dichiarazioni controverse riguardo alla crisi ucraina. In questo contesto il parlamentare dell’Hdz ha affermato che il Capo dello Stato si era opposto fermamente all’addestramento dei soldati ucraini in Polonia, mentre qualche giorno fa ha salutato la partenza di un contingente dell’Esercito croato proprio verso il territorio polacco.
L’agenzia russa TAass ha sottolineato in questo contesto che il Presidente Milanović si era opposto all’addestramento dei militari ucraini sul territorio croato perché una missione di tal fatta nei Paesi membri dell’Ue avrebbe potuto avere conseguenze pericolose.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.

No posts to display