La Galeb lascia il porto di Fiume: restyling a Kraljevica (video)

La Galeb lascia il porto fiumano. Foto: Goran Kovacic/PIXSELL

Oggi la nave Galeb, l’ex yacht presidenziale di Tito ha lasciato il porto di Fiume con destinazione il cantiere navale Dalmont di Kraljevica dove verrà sottoposta a lavori di restauro, o meglio di riconversione in un museo galleggiante. La settimana scorsa si era avuta la cerimonia di sottoscrizione del contratto relativo al progetto, che rappresenta il primo vero passo verso la realizzazione di quello che sarebbe dovuto essere il simbolo, nonché il cavallo di battaglia di Fiume CEC 2020. Tra i più sorridenti al momento della firma, e non poteva essere altrimenti, il sindaco Vojko Obersnel, colui che più di tutti si è prodigato a portare avanti il progetto, malgrado una tenace opposizione all’interno del Consiglio cittadino, oltre che a fare i conti con una generale diffidenza di buona parte dell’opinione pubblica.
È stato, dunque, il cantiere Dalmont di Kraljevica ad aggiudicarsi l’appalto dei lavori di ristrutturazione della Galeb. Si era presentata al bando di concorso con un’offerta di 58,5 milioni di kune. L’onore (o l’onere?) di firmare il futuro museo galleggiante toccherà alla designer spalatina Nikolina Jelavić Mitrović. “Il progetto prevede la realizzazione di un ostello e di un ristorante, mentre il resto della nave verrà interamente ‘musealizzato’, di modo da presentare agli ospiti le varie parti, tutte rigorosamente rinnovate, come ad esempio la cabina di Tito, il ponte di comando, la sala macchine e via dicendo”, ha anticipato la designer.

 

View this post on Instagram

 

A post shared by Grad Rijeka (@gradrijeka) on

Facebook Commenti