Italiani a Spalato: bella realtà

Maurizio Tremul e Antonella Tudor

SPALATO | L’Unione Italiana, rappresentata dal suo presidente, Maurizio Tremul, ha proseguito il giro di visite in Dalmazia. Dopo la tappa di mercoledì a Zara – dove il presidente dell’Unione ha avuto incontri all’asilo Pinocchio, alla Scuola elementare Bartul Kašić, che propone agli alunni l’insegnamento della lingua italiana secondo il Modello C, e alla Comunità degli Italiani di di via Borelli, ora presieduta da Igor Karuc – ieri è stata la volta di Spalato. Nel capoluogo dalmata Maurizio Tremul ha avuto un incontro con la presidente della locale Comunità degli Italiani, Antonella Tudor, e con la vicepresidente, Giovanna Asara Svalina.

“La Comunità di Spalato è molto attiva e funziona benissimo. In questo periodo, come dappertutto, c’è un po’ di pausa a causa dell’estate, ma i padroni di casa sono comunque riusciti a presentarmi tutte le loro attività. Ci siamo incontrati nella sede di via Bajamonti e abbiamo parlato di come va la Comunità. Qui non ci sono problemi con le attività e neppure con la partecipazione e questo ci rallegra molto. Il sodalizio lavora molto con i corsi di lingua italiana, che qui sono assai richiesti, con un grande interesse da parte della popolazione locale”, ha affermato Tremul.

Dopo questa prima visita la delegazione si è recata alla nuova sede, che il presidente dell’Unione non aveva ancora avuto modo di vedere. “Gli spazi sono organizzati bene ed è tutto molto bello. La loro biblioteca ha un migliaio di volumi e molti altri libri potrebbero arrivare dall’Italia a breve. Hanno fatto davvero un bel lavoro qui, e noi come Unione ci premureremo di far sì che i mezzi per l’affitto continuino ad arrivare, mettendoli nei nostri piani finanziari fino a quando sarà possibile”, ha dichiarato Maurizio Tremul, che ha concluso definendo Spalato una realtà molto viva e molto positiva, che l’UI ha intenzione di continuare a sostenere.

Durante l’incontro si è parlato anche della necessità di effettuare dei lavori di manutenzione alla sede di via Bajamonti, per i quali l’Unione Italiana si impegnerà non appena avrà ricevuto tutti i preventivi e valutato il da farsi.

Antonella Tudor Un incontro soddisfacente

“La visita del presidente dell’UI, Maurizio Tremul, alla nostra Comunità ci ha fatto molto piacere. È stata la prima volta che è venuto nella nostra nuova sede e siamo contente che sia rimasto entusiasta della biblioteca che abbiamo allestito. Come è rimasto soddisfatto anche dell’armonia che c’è a Spalato e dell’assenza di problemi di qualsiasi tipo. Purtroppo non abbiamo potuto fargli vedere tutte le nostre attività, perché durante il periodo estivo le iniziative della Comunità si riducono molto, a causa del turismo. In questo momento soltanto un laboratorio artistico è ancora attivo, il resto è tutto fermo. Abbiamo parlato dei nuovi progetti in cantiere, della ripresa dell’attività del coro e di un’importante donazione di libri che attendiamo dell’Italia. Ci siamo soffermati pure sui nostri corsi d’italiano, undici al momento, tutti molto frequentati. Credo che gli abbiamo fatto una buona impressione e per questo siamo contenti”, ci ha dichiarato Antonella Tudor, presidente della Comunità degli Italiani di Spalato.

Igor Karuc: «L’asilo di Zara va avanti»

Il neopresidente della Comunità degli Italiani di Zara, Igor Karuc, ha valutato positivamente il suo primo incontro ufficiale, avvenuto mercoledì, con l’Unione Italiana. “Abbiamo avuto una serie di incontri, prima all’asilo, poi alla Scuola e infine in Comunità. In tutti e tre gli ambiti ci siamo accordati sulle questioni più importanti e ora i nostri rapporti sono perfetti, perché gli interessi sono comuni. Per entrambe le parti è molto importante che l’asilo continui a funzionare e così sarà. Dovremo rivedere un attimo i finanziamenti da parte della Comunità, perché il budget è un po’ fuori controllo al momento. Comunque non ci saranno problemi: le quattro professoresse continueranno a lavorare e i bambini continueranno a frequentare la struttura. Staremo soltanto un po’ più attenti a certe spese. In Comunità abbiamo parlato dei nostri progetti con i giovani e con i più anziani, sperando che pian piano si facciano dei progressi. Alla fine tutti contenti, sia i soci che l’Assemblea”, ha affermato Karuc.

Facebook Commenti