Italia-Croazia: una partnership storica

Conferenza virtuale sul rafforzamento della collaborazione bilaterale in campo economico e finanziario

L'Ambasciatore Pierfrancesco Sacco e il governatore Boris Vujčić. Foto: Patrik Macek/PIXSELL

Il rafforzamento delle relazioni italo-croate giocherà un ruolo chiave nel processo di risanamento dell’economia e nella creazione dei presupposti necessari a favorire lo sviluppo sostenibile. In quest’ottica gli istituti di credito italiani operanti in Croazia avranno un ruolo importante nel finanziamento della ripresa postpandemica. Questo in sintesi il messaggio scaturito ieri al termine della conferenza virtuale intitolata “Il finanziamento della crescita sostenibile”.

Progetti innovativi

All’appuntamento promosso dell’Ambasciata italiana a Zagabria e dalla Banca nazionale croata (HNB), sono intervenuti, tra gli altri, l’Ambasciatore italiano in Croazia, Pierfrancesco Sacco, il governatore dell’HNB, Boris Vujčić, il vicepremier e ministro delle Finanze, Zdravko Marić, e il vicepresidente della Camera d’Economia (HGK) per le relazioni internazionali, Ivan Barbarić.
Vujčić ha spiegato che l’intento della conferenza consisteva nel discutere in merito a temi rilevanti per entrambi i Paesi. “Lo scopo comune che ci siamo posti, che tra l’altro corrisponde ai piani a lungo termine dell’Unione europea, riguarda la creazione delle condizioni economiche necessarie a sostenere una crescita sostenibile basata sulla green economy, sulle innovazioni e sulla digitalizzazione”, ha detto il governatore della Banca nazionale croata. “Il raggiungimento di questi traguardi impone che le piccole e medie imprese abbiano accesso ai finanziamenti. È necessaria, inoltre, la disponibilità di mezzi destinati al finanziamenti di progetti innovativi ed ecosostenibili. Il nostro obiettivo consisteva, per l’appunto, nel porre queste tematiche nel focus delle relazioni bilaterali tra due Paesi partner”, ha dichiarato Vujčić ricordando che gli istituti di credito italiani hanno un ruolo dominante nel settore bancario croato.

Settore finanziario e bancario

L’Ambasciatore d’Italia a Zagabria, Pierfrancesco Sacco, ha notato che il settore finanziario e bancario dei due Paesi è pronto a mettersi al lavoro per rafforzare la storica partnership che lega Croazia e Italia. Ha osservato che sia Roma che Zagabria condividono l’opinione che le loro rispettive economie avranno maggiori chance di riprendersi e di diventare più resistenti se i due Paesi si dimostreranno capaci di sfruttare meglio i loro legami.

Business Forum

Pierfrancesco Saco ha ricordato inoltre che in occasione della recente seduta plenaria del Comitato ministeriale italo-croato è stato posto l’accento sulla necessità di rafforzare le relazioni commerciali ed economiche e che a tale scopo è stata concordata l’organizzazione di un Business forum in occasione della seduta in calendario nel 2021 in Italia.

Un timing perfetto

Il vicepremier e ministro delle Finanze, Zdravko Marić ha giudicato perfetto il timing della conferenza, convocata a poche ore dal raggiungimento dell’accordo sul Next Generation EU. Un pacchetto finanziario che garantirà alla Croazia e all’Italia l’accesso, rispettivamente, a 24,2 e oltre 200 miliardi di euro di finanziamenti destinati alla ripresa post Covid-19 e che rappresenta una grande opportunità di rilancio.

Facebook Commenti