Istria. Violenza in famiglia: in carcere due 44.enni

L’edificio di via Kranajćević a Pola, sede del Tribunale regionale e di quello comunale. Foto: Srecko Niketic/PIXSELL

Negli ultimi giorni due 44.enni sono finiti in carcere in quanto accusati di violenza in famiglia e altri reati legati appunto al comportamento violento e alla lesione dei diritti dei bambini.
In seguito alla denuncia sporta dal Commissariato di Parenzo, uno di questi è comparso al cospetto del giudice del Tribunale comunale di Pola in quanto accusato appunto di violenza in famiglia, minacce e lesione dei diritti dei minori. Stando al Pubblico ministero, per ben 10 anni ovvero dal 2010 al primo aprile dell’anno in corso, l’uomo aveva un comportamento aggressivo nei confronti dei suoi quattro figli minorenni, offendendoli e oltraggiandoli. Inoltre, in presenza dei figli, dal primo giugno del 2015 sino al 1.mo aprile scorso aveva umiliato e minacciato la consorte, aggredendola anche fisicamente. Come se non bastasse, quando la donna aveva deciso di lasciare il marito portando con sé i quattro bambini, il 44.enne l’aveva minacciata di morte telefonicamente e lo aveva fatto anche tramite un impiegato del Centro per l’assistenza sociale.
Come detto, anche un suo coetaneo è finito in carcere in seguito a una denuncia sporta alla magistratura dal Commissariato polese. L’uomo è stato accusato di violenza in famiglia, minacce e lesione dei diritti dei bambini. A detta degli inquirenti, dall’inizio del 2019 sino al 1.mo aprile scorso, alla presenza di 5 suoi figli minorenni, offendeva, umiliava e minacciava la moglie, aggredendola fisicamente in diverse circostanze. Infine, prima di venire tratto agli arresti, sempre in presenza dei figli nonché dei cognati, aveva minacciato di morte e aggredito fisicamente la consorte. L’esagitato era venuto alle mani pure con il cognato, che aveva cercato di difendere la sorella. Per i gravissimi reati commessi e per il pericolo che li potesse ripetere, il 44.enne a sua volta è stato trattenuto in carcere in attesa del processo.

Facebook Commenti