Istria: 15 casi. All’ospedale riapre il reparto per le respirazioni

L’entrata dell’Ospedale di Marina a Veruda dove si trova il Reparto malattie infettive

Non arrivano buone notizie dall’Istria sul fronte dell’epidemia. Oggi, martedì 23 marzo, sono 15 i nuovi casi di coronavirus, riscontrati dopo che gli epidemiologi istriani hanno effettuato 440 tamponi, per un tasso di positività 3,4%. In 11 casi si tratta di persone che già si trovavano in isolamento, mentre per le rimanenti 4 si cerca di risalire alla fonte del contagio. Nel frattempo sono guarite 5 persone e oggi sono 94 i casi attivi nella penisola. Quasi la metà (43) degli infettati è ricoverato all’ospedale di Pola e per questo motivo la direzione ha deciso di riattivare il centro per le respirazioni, che era stato chiuso dopo che la situazione era tornata alla normalità un paio di mesi fa. Va segnalato, infine, che 1492 persone si trovano in isolamento domiciliare.
“La situazione non è allarmante – afferma Dino Kozlevac all’agenzia di stampa Hina -, ma siamo preoccupati dall’aumento delle ospedalizzazioni”. Il capo della task force istriana sottolinea che rende anche l’età media dei pazienti ricoverati. “Ora in ospedale l’età media dei pazienti Covid è di 64-68 anni, mentre qualche settimane fa era di 75-80”, ha concluso Kozlevac.

Facebook Commenti