Iscrizioni a scuola: ancora tutto fermo

Elementari e medie in attesa dello scadenzario del Ministero

L’edificio che ospita la scuola media Dante Alighieri di Pola Foto: Alen Kalebić

Non c’è solo la didattica sospesa. Il perdurare di diverse restrizioni finalizzate a contenere il contagio del Covid-19, sta per causare anche altre conseguenze nel settore educativo-formativo. In tutte le scuole e così pure all’elementare italiana “Giuseppina Martnuzzi”, all’elementare di Dignano con le sue sezioni italiana e croata, nonché alla Scuola Media Superiore Italiana “Dante Alighieri” di Pola regna ancora un’enorme incognita circa le modalità, i procedimenti, le date e gli orari di iscrizione alle prime classi per il prossimo anno scolastico 2020/2021. È anche vero che il tempo ancora non stringe, ma in quanto a previsioni e scadenzari è ancora tutto in alto mare. Il Ministero della Scienza e dell’Istruzione non ha ancora predisposto i piani d’iscrizione, non ha comunicato calendari precisi, ma ha soltanto proproghe e sospensioni.
Test sospesi
Scuole elementari. Per quanto concerne i preparativi per le iscrizioni è tutto fermo. “Ieri ci è pervenuta l’informativa dall’ufficio ministeriale – così Susanna Cerlon, direttrice della ‘Martinuzzi’ – con la quale è stata predisposta la sospensione dello svolgimento dei test di maturità e ideoneità di frequenza della scuola elementare per i bimbi d’asilo che stanno raggiungendo l’età scolare. Siamo riusciti a organizzare l’incontro con i prescolari e dall’11 maggio hanno preso il via le visite sistematiche su appuntamento, necessarie per procedere con l’iscrizione. Quanto al resto non ci resta che attedenere“. Nel periodo invernale delle preiscrizioni orientative, l’elementare italiana aveva già notificato 37 frequentatori per le prime classi della sede centrale, altri due rispettivamente 10 per la Sezione italiana e quella croata di Gallesano, nonche due ragazzi per la Sezione di Sissano. Solitamente, i test di idoneità di frequenza venivano scritti a cavallo tra aprile e maggio, cosa che non è avvenuta e che viene ulteriormente rimandata a data da destinarsi per ragioni di sicurezza sanitaria. Un’incognita ancora più grande è quella che riguarda la data e la modalita (on line?) delle iscrizioni vere e proprie, che solitamente si svolgono a metà giugno. Prenotazioni attendendo, intanto, i notificati per la scuola che non hanno ancora raggiunto l’età scolare e i cui genitori hanno fatto richiesta d’iscrizione prematura, dovranno rivolgersi all’Ufficio regionale per l’istruzione onde ottenere disposizioni circa gli orari di verifica dei candidati.
“Anche a Dignano – rivela Corrado Ghiraldo, direttore della Scuola elementare – siamo in attesa di comunicazioni e disposizioni sul da farsi per quanto concerne le iscrizioni. Poco prima di chiudere i battenti per l’emergenza Covid, siamo riusciti a effetuare le visite mediche per tutti i nostri notificati alle prime: 6 nella sezione italiana e 27 in quella crosta. Ora per il test d’idoneità bisognerà attenersi alle future regole del Dicastero.”
SMSI di Pola, cinque indirizzi
La complessità dell’attuale situazione, non sta permettendo vita facile nemmeno alle medie superiori. La Dante che è a malapena riuscita a fare visita alla “Martinuzzi” per presentare la propria offerta didattico-formativa, non ha avuto il tempo di uscire in pubblico e organizzare le tradizionali Porte aperte. In questi giorni si attende ancora il responso ministeriale circa il piano di studio da offrire per il prossimo anno scolastico. “Le scuole avrebbero dovuto inoltrare le proprie proposte in merito entro la fine di marzo – segnala Debora Radolović, preside della SMSI polese – ma il Ministero ha dato una proroga fino al 30 aprile. La nostra istituzione intende offrire sbocchi formativi in cinque indirizzi: liceo generale e liceo linguistico con cinque posti di studio per ciascuno; ramo economico e ramo informatico con dieci posti; indirizzo triennale suddiviso in programmi formativi per commessi, automeccanici e operatori di macchine a controllo numerico, CNC con 6 posti per ogni ramo specifico. La Dante, tra l’altro, si è inserita nel progetto regionale di promozione virtuale delle scuole, portato avanti tramite il portale srednja.hr in collaborazione con la Comunità delle Regioni di Croazia. La nostra powerpoint con i programmi di studio viaggerà in direzione degli indirizzi Internet delle scuole elementari“.

Facebook Commenti