Il vademecum per turisti e uomini d’affari

L’HUT spiega ai viaggiatori stranieri come varcare i confini della Croazia

La Croazia ha riaperto le sue frontiere ai vacanzieri e agli imprenditori in viaggio d’affari. L’Associazione turistica croata (HUT) ha predisposto un vademecum al fine di agevolare il loro arrivo. Per i cittadini di dieci Paesi dell’Unione europea le procedure connesse all’ingresso in Croazia ormai non si discostano molto dal periodo antecedente all’inizio dell’emergenza sanitaria provocata dalla pandemia da Covid-19.
Nel caso dei cittadini sloveni, ungheresi, austriaci, cechi, slovacchi, estoni, lettoni, lituani, polacchi e tedeschi, per poter varcare la frontiera croata è sufficiente notificare il proprio arrivo attraverso l’applicazione Entercroatia.mup.hr. Per gli ospiti provenienti dagli altri Stati membri dell’UE, tra i quali l’Italia, come pure per quelli originari dai Paesi extracomunitari, invece, ai confini, continua a rimanere, momentaneamente, in vigore un regime più rigido, teso a scongiurare la diffusione del SAR-CoV-2. Tuttavia, anche loro possono varcare il confine.
Serve la prenotazione
Per entrare in Croazia questi turisti devono esibire la conferma della prenotazione di un alloggio. Per essere considerata valida la prenotazione deve contenere le seguenti informazioni: luogo/indirizzo del luogo nel quale si risiederà, recapito telefonico e durata della permanenza, ossia la data entro la quale l’ospite pianifica di lasciare la Croazia.
Se però non si è in possesso di una prenotazione è comunque possibile esibire pure un documento che confermi il noleggio di uno spot in un campeggio o di un ormeggio stabile in un porto turistico. In alternativa vanno bene pure la conferma della prenotazione di un ormeggio in un marina o il vaucher di un’agenzia turistica.
Incontri di lavoro
Nel caso dei viaggi d’affari, gli imprenditori possono entrare sul territorio della Croazia dimostrando di essere stati convocati da un partner d’affari, di dover partecipare a un incontro di lavoro, di essere i proprietari di un immobile o di un’imbarcazione (l’ingresso nel Paese è consentito pure agli intestatari di un leasing connesso al noleggio di un’imbarcazione).
Possono varcare il Paese pure provando di essere i titolari di un’azienda o i membri della direzione di una società commerciale.
Visto per gli extracomunitari
Oltre a dover soddisfare i suddetti criteri i cittadini extracomunitari, quando previsto, devono munirsi pure dei visti necessari a varcare i confini dell’Unione europea.
L’HUT, ha reso noto che provvederà ad aggiornare settimanalmente le informazioni attinenti all’ingresso in Croazia dei turisti stranieri, pubblicandole sulla newsletter Croatia Tourism & Travel Weekly.

Facebook Commenti