Il Nobel per la Pace 2020 al Programma Alimentare Mondiale

Il logo del Wfp (Programma Alimentare Mondiale). Foto: nobelprize.org

Il Programma Alimentare Mondiale è stato premiato col Nobel per la pace per gli sforzi compiuti nella “lotta alla fame nel mondo, per il suo contributo al miglioramento delle condizioni per la pace in aree colpite da conflitti e per il suo agire come forza trainante per evitare l’uso della fame come arma di guerra e di conflitto”. Nella motivazione ci sono anche espliciti riferimenti alla pandemia da coronavirus: “In Paesi come Yemen, Repubblica Democratica del Congo, Nigeria, Sud Sudan e Burkina Faso, la combinazione di conflitti volenti e pandemia ha portato ad un drammatico aumento del numero delle persone che rischiano di morire di fame”. La pandemia, si legge ancora nella motivazione, “ha contribuito a un forte aumento delle numero delle vittime della fame nel mondo.

Facebook Commenti