Il ministro sloveno Hojs respinto al confine croato: è polemica

Il ministro degli Interni sloveno, Aleš Hojs

Il ministro degli Affari interni della Repubblica di Slovenia, Aleš Hojs, è stato fermato al confine di stato con la Croazia. Hojs stava cercando di entrare nel Paese insieme alla madre, per pagare delle bollette e altre spese correnti di un immobile di proprietà della donna in Croazia. Ai due però non è stato permesso di attraversare il confine, in quanto erano privi del tampone negativo. Hojs sarebbe potuto entrare grazie al passaporto diplomatico, ma non era in visita ufficiale e la Polizia croata non aveva ricevuto nessuna comunicazione riguardo al suo arrivo al confine di Stato. La Polizia slovena, però, ha pubblicato un comunicato sul suo profilo ufficiale su Twitter, spiegando come il ministro non abbia infranto nessuna norma. “Considerando che il ministro possiede un immobile nel Comune di Capodistria, aveva il permesso di attraversare i confini comunali. Per quanto riguarda il viaggio in Croazia, invece, fa fede l’immobile di proprietà della madre, per accedere al quale il ministro aveva tutti i permessi del caso”, si legge su Twitter.

Facebook Commenti