Il ministro della Sanità Vili Beroš: «La situazione è allarmante»

Il ministro della Sanità Vili Beroš. Foto: Pixsell

“Devo ammetterlo: il coronavirus non è una malattia lieve. Dopo alcuni giorni di febbre molto alta e spossatezza, ora sto meglio. Spero che tutto vada bene”. Lo ha dichiarato il ministro della Sanità Vili Beroš che dalla scorsa settimana si trova in isolamento domiciliare in quanto è risultato positivo al Covid-19. “Seguo le raccomandazioni dei medici. Comunque il mio stato di salute mi permette di mantenere la comunicazione con i miei collaboratori,
con il premier e il vicepresidente del governo come pure con il direttore dell’Istituto nazionale per la salute pubblica Krunoslav Capak – ha spiegato Beroš –. Probabilmente avrò contratto il coronavirus nella sede del Ministero della Sanità dove purtroppo ci sono alcune sale riunioni che non si possono ventilare”. Il ministro della Sanità ha voluto soffermarsi sull’aumento del numero di contagi e decessi causati dal Covid. “La situazione è
allarmante. Invito tutti i cittadini alla massima prudenza”, ha detto Beroš annunciando che domani si terrà una riunione con gli zupani con tema proprio il Covid-19. Si parlerà forse di altri provvedimenti per combattere la diffusione del virus? “Possiamo introdurre misure ancora più severe, ma i cittadini devono rendersi conto quanto sia importante indossare la mascherina ed evitare di partecipare a feste private. Dimostriamo di essere responsabili“, ha dichiarato Beroš.

Facebook Commenti