Il crollo del turismo documentato dalle foto delle spiagge

Una stagione turistica che non si vedeva da decenni, forse soltanto nei primi anni della guerra della prima metà degli anni Novanta. Una desolazione, con un crollo nel settore tra il 70 e l’80%. La pandemia da coronavirus ha inferto un pesante colpo al turismo mondiale, e nemmeno la Croazia è stata risparmiata. La stagione praticamente inesistente avrà delle pesanti ripercussioni sull’economia croata, soprattutto se si prende in considerazione che questo settore rappresenta quasi il 30% del Pil nazionale.
Quanto sia preoccupante la situazione, lo dimostrano anche le foto dell’agenzia Pixsell, che ha deciso di realizzare alcuni combo di scatti realizzati dai suoi fotoreporter sulle spiagge lungo la costa croata negli anni passati e in questi giorni. La differenza è da paura…

Spiaggia Banje, Ragusa (Dubrovnik). Foto Grgo Jelavic/PIXSELL
Spiaggia cittadina, Primošten. Foto Hrvoje Jelavic/PIXSELL
Spiaggia Bačvice, Spalato. Foto Ivo Cagalj/PIXSELL
Spiaggia albergo Park Plaza, Pola. Foto Dusko Marusic – Srecko Niketic/PIXSELL
Spiaggia Sablićevo, Fiume. Foto Goran Kovacic/PIXSELL
Spiaggia San Giovanni, Pola. Foto Dusko Marusic/PIXSELL – Srecko Niketic/PIXSELL
Spiaggia cittadina, Zara. Foto Marko Dimic/PIXSELL
Spiaggia Bačvice, Spalato. Foto Ivo Cagalj/PIXSELL

Facebook Commenti