Il coronavirus in Croazia. «Solo questione di tempo»

Lo afferma il ministro della Salute, Vili Beroš

Il ministro della Salute, Vili Beroš. Foto Patrik Macek/PIXSELL

Il coronavirus arriverà in Croazia? “E’ solo una questione di tempo, noi dobbiamo essere pronti per affrontarlo”. Lo ha dichiarato il ministro della Salute, Vili Beroš, commentando quanto sta succedendo in queste ore nella vicina Italia. “Non mi sono sentito ancora con il mio omologo italiano, perché la situazione lì è difficile, però sono in contatto continuo con il nostro Ambasciatore a Roma”.
Il ministro ha parlato anche di possibili misure inerenti al focolaio in Lombardia e Veneto. “L’evolversi della situazione nelle prossime ore in Italia, determinerà anche le nostre prossime mosse”. Ma secondo Beroš non bisogna farsi prendere dal panico, perché la mortalità del coronavirus è del 2% circa, “molto più bassa del virus dell’influenza a cui siamo abituati”. Però, “bisogna stare all’erta perché si tratta di un nuovo virus, di una nuova malattia”, ha sottolineato il ministro della Salute.
Infine, Beroš ha reso noto che il cittadino croato che si trovava sulla Diamond Princess, la nave da crociera ancorata nel porto giapponese di Yokohama dove si è verificato un focolaio della malattia (oltre 600 contagi su 3.700 passeggeri), e che oggi ha fatto rientro in Croazia “sta bene. Si trova in quarantena anche su sua richiesta, perché vuole tutelare se stesso e la propria famiglia nonostante non abbia alcun sintomo del coronavirus”.

Facebook Commenti