Gli stranieri pazzi per gli immobili dell’Istria e del Quarnero

0
Gli stranieri pazzi per gli immobili dell’Istria e del Quarnero

L’Istria e la Regione litoraneo-montana sono le Regioni croate in cui gli stranieri
vogliono vivere o almeno trascorre quanto più tempo. Lo rende noto l’analisi della Banca
centrale croata (HNB), secondo cui nel 2019 in Istria il 45 per cento degli immobili è stato
acquistato da cittadini stranieri, mentre l’anno dopo dal 40 per cento. Segue il Quarnero e il
Gorski kotar, sul cui territorio il 35 p.c. degli immobili venduti nel 2019 sono finiti nelle mani di stranieri, mentre l’anno dopo la percentuale è scesa al 29 per cento. Sul gradino più basso del podio, invece, sale la Regione di Zara con rispettivamente il 27 e il 26 per cento di case e appartamenti le cui chiavi sono state consegnate ai cittadini con
passaporto straniero.
Per quanto concerne il 2021, gli stranieri hanno acquistato 9.514 immobili, per un aumento
del 50 per cento rispetto al 2020 pandemico, si legge in un rapporto dell’Amministrazione fiscale. Sono stati soprattutto i tedeschi, gli austriaci e gli sloveni a far crescere questa percentuale. I cittadini della Germania, riporta il quotidiano Jutarnji list, si sono
impossessati di 2.637 immobili, con una maggiorazione del 70 p.c. rispetto all’anno prima
(2.637 case o appartamenti venduti). Seguono gli austriaci
con 1.109 acquisizioni (+74 sul 2020), mentre i cittadini della vicina Slovenia nel 2021
hanno messo le mani su 2.309 immobili (+32 p.c. se il dato viene confrontato con l’anno
precedente). Va segnalato che gli italiani hanno acquistato l’anno scorso 243 immobili in
Croazia, come gli svedesi (240), ma meno di polacchi (269) e slovacchi (359) e dei cittadini
della Repubblica Ceca (584). Proprio i cechi hanno fatto registrare un’impennata del 165
per cento degli acquisti rispetto all’anno precedente. Gli unici ad aver fatto segnare un calo
sono i russi (solo 69 immobili acquistati), che però negli ultimi decenni avevano fatto incetta di vile e appartamenti lungo la costa adriatica. In negativo anche i
britannici, che hanno acquistato nel 2021 soltanto 86 immobili. In entrambi i casi si tratta di una diminuzione di circa il 30 per cento se il dato viene confrontato
con il 2020.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.

No posts to display