Frode da 100mila euro all’aeroporto di Fiume

I sospetti su un'impiegata dell'ufficio contabilità, già licenziata

L'aeroporto di Fiume a Castelmuschio (Omišalj), sull'isola di Veglia (Krk). Foto Goran Kovacic/PIXSELL

Una frode da 780mila kune (poco più di 100mila euro) si è verificata all’aeroporto di Fiume, sull’isola di Veglia (Krk). I sospetti dell’azienda che gestisce lo scalo e del Pubblico ministero sono ricaduti su un’impiegata dell’ufficio contabilità dell’aeroporto. La donna, dal 2014 ad oggi, ha prelevato in diverse occasioni dal bancomat con la carta della società determinate somme di denaro, fino ad arrivare alle 780 mila kune, che hanno fatto scattare l’allarme. Il direttore dello scalo quarnerino, Tomislav Palalić, ha spiegato che non può rilasciare dichiarazioni in merito poiché le indagini sono in corso, ma ha sottolineato che la donna è stata licenziata in tronco. Il Pubblico ministero, invece, ha sporto denuncia contro l’ormai ex impiegata dell’aeroporto di Fiume.

Facebook Commenti