Fiume: 5 nuovi casi, 40 attivi e 3 in terapia intensiva

Alen Ružić, neodirettore del Centro clinico ospedaliero di Fiume. Foto Željko Jerneić

Sono 5 i nuovi casi di coronavirus registrati nelle ultime 24 ore nella Regione litoraneo-montana di cui 4 sono contatti di persone già precedentemente contagiate e che si trovavano in autoisolamento. Il quinto nuovo caso di Covid-19 riguarda un cittadino della Serbia, anch’egli in isolamento domiciliare.
A Fiume e dintorni sono 40 i casi attivi, di cui 9 ricoverati nella Clinica per le malattie infettive, la cui direttrice Biserka Trošelj Vukić ha specificato che il loro stato di salute “va da medio grave a grave” “L’età media dei ricoverati è di 60 anni, e sette pazienti sono stati ricoverati perché hanno la polmonite, mentre tre hanno bisogno dell’areazione artificiale”, ha aggiunto il medico. I tre pazienti più gravi sono “importati”: uno dalla Serbia, uno dalla Macedonia e uno dal Kosovo. Quest’ultimo “si sta riprendendo bene e potrebbe essere dimesso a breve”.
Il direttore del Centro clinico ospedaliero di Fiume (Cco), Alen Ružić, ha aggiunto che il Cco segue con massima attenzione l’evolversi della situazione. “Anche se speriamo che le cose possano andare per il verso giusto, le strutture ospedaliere sono pronte per affrontare anche scenari peggiori”.  Il Cco di Fiume ha a disposizione 45 respiratori e altri 5 di riserva, ha spiegato Ružić.
Le visite ai pazienti ricoverati in ospedale sono vietate, ma oggi alla Cinica di ginecologia ed ostetricia è stato permesso ai partner di assistere le compagne e mogli nei parti, “naturalmente, nel massimo rispetto delle misure epidemiologiche”, ha concluso il direttore del Cco, che ha assunto questo incarico poche settimane fa.

Facebook Commenti