Croazia. «È una splendida stagione turistica»

Il weekend di Ferragosto caratterizzato da un enorme afflusso di vacanzieri. Soddisfatto il primo ministro

Foto: Grgo Jelavic/PIXSELL

Il fine settimana di Ferragosto ha confermato l’ottimo stato di salute dell’industria dell’ospitalità lungo le sponde dell’Adriatico orientale. Valichi di frontiera, strade e autostrade in direzione del mare e scali traghetti sono stati letteralmente presi d’assalto dai vacanzieri. Tutto fila per il meglio e le prenotazioni non mancano non soltanto fino alla fine di agosto, ma nemmeno per settembre e ottobre. Il premier Andrej Plenković ha definito ieri a Tersatto splendida l’attuale stagione turistica e si è complimentato con tutti coloro che hanno contribuito a conseguire risultati al di là delle più rosee aspettative. Il premier ha sottolineato che lo slogan su un soggiorno sicuro in Croazia dall’ottica epidemiologica si è dimostrato azzeccatissimo. Anche Plenković si è detto convinto che nel prossimo mese e mezzo i flussi turistici nel Paese rimarranno elevati. L’auspicio ovviamente è che le aree costiere rimangano ancora per un certo periodo in zona arancione, il che eviterebbe possibili disagi ai vacanzieri stranieri al momento del rientro a casa. Sicuramente dovrebbero esserci però maggiori incolonnamenti al confine con la Slovenia, in uscita dalla Croazia, dopo il 23 agosto, quando entrerà in vigore l’obbligo del green pass anche per chi soltanto transita attraverso il territorio sloveno.

Foto: Marko Prpic/PIXSELL

Attualmente in Croazia soggiornano un milione e 50mila villeggianti, ovvero praticamente il 30 per cento in più rispetto allo scorso anno. Prevalgono gli ospiti tedeschi, sloveni, polacchi e austriaci. Arrivano anche sempre più vacanzieri italiani che finora erano stati piuttosto latitanti. Gli incolonnamenti ai valichi di frontiera, soprattutto in entrata, sono chilometrici, i tempi d’attesa in genere sono di alcune ore. Lunghe code si segnalano anche sulle autostrade, agli scali traghetti per le isole, nonché sulle strade d’accesso alle principali destinazioni turistiche.

Foto: Grgo Jelavic/PIXSELL

Migliaia di pellegrini hanno affollato ieri pure i santuari mariani. Oltre a Tersatto, grande l’affluenza di fedeli soprattutto al Santuario nazionale mariano di Marija Bistrica e a quello di Sinj.

Non soltanto la fascia costiera adriatica, ma anche l’immediato entroterra è ben frequentato. Vanno per la maggiore soprattutto le case per le vacanze e in questo contesto soprattutto le ville con piscina. Nell’Istria interna le prenotazioni in genere non mancano fino alla fine di settembre, anche se c’è chi spera che la stagione possa prolungarsi fino a tutto ottobre o quasi. Nessuno si lamenta sulla propensione alla spesa dei vacanzieri: vanno alla grande i prodotti autoctoni.

Foto: Slavko Midzor/PIXSELL

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.