Docenti. Domani lo sciopero va avanti in 3 Regioni

Foto: Dusko Jaramaz/PIXSELL

Prosegue anche oggi lo sciopero degli insegnanti. I Sindacati del settore scolastico non sono soddisfatti, infatti, dell’offerta del presidente del governo Andrej Plenković, la quale prevede un aumento degli stipendi di tutti gli impiegati pubblici del 6,12 per cento, entro il 2020 con tre aumenti del 2 per cento circa ciascuno. Pertanto, oggi si sciopererà in tutte le scuole elementari e medie superiori della Croazia. I sindacalisti del settore scolastico non si accontentato, infatti, di un ritocco generalizzato alle paghe. Chiedono la revisione dei coefficienti per la complessità del lavoro, in quanto sono convinti di essere stati penalizzati dalle decisioni prese in passato da altri governi. In pratica gli insegnanti, rispetto ad altre categorie, dovrebbero ottenere qualcosa di più, che faccia in modo che il loro lavoro sia valorizzato in maniera adeguata. Per tale motivo dopo lo sciopero circolare della settimana scorsa, oggi l’agitazione compie nuovamente un salto di qualità, con l’obiettivo di paralizzare tutto il sistema dell’istruzione elementare e media superiore.
Lo sciopero degli insegnanti delle elementari e delle medie superiori è stato commentato dal ministro del Lavoro e del Sistema previdenziale, Josip Aladrović, il quale ha detto che l’offerta del Governo è corretta e che sapremo fra qualche giorno come continuerà la vicenda.
“C’è la possibilità di pagare e di non pagare chi sta scioperando. E poi c’è l’opzione di proibire lo sciopero ricorrendo ai Tribunali. Tutte le possibilità sono sul tavolo. Vedremo come proseguiremo e quali strade intraprenderemo. Questa settimana sarà tutto risolto”, ha affermato Aladrović.
Domani lo sciopero degli insegnanti avrà luogo nella Regione di Zagabria, in quella di Karlovac ed infine nella Regione di Vukovar e dello Srijem.

Facebook Commenti