Crollo demografico inarrestabile nella Regione litoraneo-montana

Nel 2019 sono venuti alla luce 2.060 neonati, mentre i decessi sono stati 3.746: 1.686 persone in meno

Foto: Marijan Susenj/PIXSELL

Da cinque anni nella Regione litoraneo-montana si registra un costante calo demografico. Secondo i dati dell’Istituto nazionale di statistica, l’anno scorso sono venuti alla luce 2.060 neonati, mentre i decessi sono stati 3.746, con un tasso di crescita negativo di 1.686 unità. Dal 2015 ad oggi il numero dei nati è sceso del 12%, da 2.350 a 2.060. Stabile invece il numero dei decessi, in media 3.750, eccezion fatta per il 2017 quando erano stati registrati 3.951.
Il calo più marcato si osserva a Fiume, con un tasso di crescita negativo di 833 persone. Preoccupante il fatto che questo numero è superiore a quello delle nascite, 790 in tutto, mentre i decessi sono stati 1.623. Pertanto, l’anno scorso i decessi sono stati più del doppio rispetto alle nascite.
Il calo minore riguarda Castua, con 91 nati e 93 decessi, quello maggiore a Vrbovsko, con 24 nati e 80 decessi.
Nonostante gli alti indennizzi che la Città di Abbazia versa per ogni neonato, la situazione è molto simile a quella di Fiume: 77 nati e 149 decessi, con un tasso negativo di 72 persone. Non va meglio nemmeno nelle altre Città e Comuni. Gli unici esempi positivi sono Viškovo, dove l’anno scorso sono nati 171 bambini e sono morte 122 persone, nonché Castelmuschio (Veglia) con 35 neonati e 31 decessi.
Tra le località liburniche, Laurana registra 27 nati e 52 decessi, per un tasso negativo di 25 persone. Draga di Moschiena 9 neonati e 16 persone decedute, ovvero 7 abitanti in meno. Mattuglie, pur avendo un tasso di crescita negativo di 19 abitanti, dopo Fiume e Viškovo è stato quello ad aver evidenziato il maggior numero di nati: 101.
In Regione la situazione è dunque preoccupante e questo trend negativo non sembra dare alcun segnale di inversione. Le ragioni sono molteplici: mancanza di lavoro, insicurezza economica, difficoltà ad acqusitare una casa, tutti fattori fondamentali per metter su famiglia.

Facebook Commenti