Croazia. Turista magiaro salta dallo yacht e cade su un cigno

Foto: Dusko Jaramaz/PIXSELL

Il caso di Scardona (Skradin) in Dalmazia dimostra che le persone a volte non si rendono conto delle proprie azioni e degli scellerati effetti collaterali che potrebbero suscitare. Le vacanze sono il periodo in cui spesso e volentieri la mente si lascia andare  a voli pindarici. Succede così che un incosciente turista magiaro a Scardona, a 15 km da Sebenico, dal suo yacht, eseguendo un tuffo volontariamente o casualmente, è atterrato su un cigno, uccidendolo. I bambini presenti sull’imbarcazione si sono messi a ridere, mentre dalla riva la folla stava gridando di tutto all’incosciente turista. Al tempo stesso uno degli ospiti dello yacht stava filmando tutto sul suo cellulare. Per tutti loro l’uccisione di un animale era una cosa molto esilarante. Dopo il violento impatto con l’uomo, il cigno ha lottato per qualche minuto, non è riuscito a sollevare il collo che evidentemente era spezzato e alla fine è morto. La Polizia è intervenuta subito sul posto. “Giunti sul luogo dell’accaduto abbiamo scoperto che il cittadino ungherese è saltato dalla barca ancorata a Scardona cadendo  sul cigno, che dopo l’impatto è volato via. Successivamente in serata è stato ritrovato un cigno morto. Tutti i provvedimenti e gli interventi effettuati (colloqui, sopralluoghi, ecc.) non hanno rivelato un salto intenzionale sullo sfortunato animale.  È stato inoltre stabilito in coordinamento con l’ufficio del Procuratore di Stato competente che non ci sono elementi di reato, ma si tratta di un incidente casuale”, ha affermato Šime Pavić, portavoce della Questura di Sebenico.

Facebook Commenti