Croazia. Turismo: riscontrato un migliaio d’irregolarità

Foto: Pixsell

Gli ispettori delle dodici sezioni che compongono l’Ispettorato di Stato della Repubblica di Croazia (DIRH), impegnati dal 1º luglio al 18 agosto scorsi in un una serie di controlli connessi alla stagione turistica, hanno appurato oltre un migliaio d’irregolarità. Lo ha reso noto ieri il DIRH, puntualizzando che le anomalie sono state riscontrate nel 40 p.c. dei 2.148 controlli eseguiti. L’operazione di verifica è stata condotta al fine di contribuire alla qualità dell’offerta turistica e più in generale della salute pubblica, della tutela delle persone e dell’ambiente. Nel caso di 526 delle 1.057 irregolarità riscontrate, gli ispettori si sono limitati a sollecitare i responsabili a mettersi in ordine con le normative nei limiti prescritti dalla legge. Nei restanti casi gli imprenditori non in regola sono stati multati e all’occorrenza denunciati.
Il responsabile del DIRH, Andrija Mikulić, ha rilevato con soddisfazione che con il passare degli anni il numero delle irregolarità diminuisce. “Ciò sta a indicare che stiamo diventando una società sempre più responsabile, disciplinata e professionale”, ha commentato Mikulić.

Facebook Commenti