Croazia: niente obbligo vaccinale. Per ora

Infermiere davanti a uno dei centri Covid dell'Ospedale di Fiume. Foto Roni Brmalj

Niente obbligo vaccinale per gli operatori sanitari. Almeno per ora. Lo ha annunciato il ministro della Salute, Vili Beroš. “Adesso non abbiamo intenzione di introdurre questo obbligo in singoli settori e, quindi, nemmeno in quello della Sanità, però come nella maggior parte dei Paesi Ue partiremo con l”uso intelligente del green pass'”. Il ministro spiega che i “dipendenti dimostreranno con il certificato il loro stato Covid, mentre coloro che non vogliono vaccinarsi potranno fare il tempo che sarà pagato pr un periodo ancora non precisato dalle casse della Sanità”.
Va ricordato che attualmente nel sistema sanitario non è vaccinato il 35% del personale, soprattutto infermiere e tecnici sanitari. Ciò significa che il sistema è scoperto soprattutto dall’interno e non dia pazienti. Quest’ultimi, infatti, prima di entrare in ospedale deve sottostare al triage dove dimostrano se sono infetti o se sono guariti dal Covid. Quest’obbligo non esiste per gli operatori sanitari e, quindi, il 35 per aceto di essi entra ed esce dalle strutture ospedaliere senza alcun controllo. Beroš ha concluso che l’obbligo “non è ancora un’ipotesi al vaglio, ma se le circostanze dovessero cambiare, questa possibilità sarà esaminata”.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.