Croazia. Nelle ultime 24 ore registrati 40 nuovi casi

I membri dell'Unità di crisi della Protezione civile nazionale: Alemka Markotic, Davor Božinović e Vili Beroš. Foto Josip Regovic/PIXSELL

Tutto sommato buone notizie arrivano dal consueto punto stampa quotidiano della task force nazionale per la lotta al coronavirus. Sono 40 i nuovi casi registrati nelle ultime ore in Croazia. Ora il numero complessivo delle persone che hanno contratto il Covid-19 è arrivato a quota 1.222. Lo ha dichiarato il ministro della Salute, Vili Beroš, il quale ha però dato una triste notizia: a Zagabria è morto un uomo di età media che non aveva malattie pregresse. Le vittime di coronavirus in Croazia sono 15. Sono 36, invece, le persone che hanno bisogno di essere attaccate al respiratore polmonare.
“Siamo fieri dei nostri concittadini che stanno seguendo alla lettera le nostre disposizioni. In questo modo salviamo vite umane”, ha spiegato il ministro, aggiungendo che però “non è giunto ancora il momento per allentare la presa”.
Possibile riapertura dei mercati
Il ministro dell’Interno, Davor Božinović, ha annunciato che i mercati cittadini potrebbero presto riaprire. “Oggi abbiamo parlato in videoconferenza con i vertici delle task force di tutte le Regioni e li abbiamo invitato a mettere in atto tutte le misure necessarie per consentire la ripresa dei lavori dei mercati. Nel momento in cui queste misure saranno adottate potremo dare luce verde per la riapertura”.

 

 

Facebook Commenti