Croazia. Ministero dell’Edilizia nella bufera

Foto Goran Stanzl/PIXSELL

Ministero dell’Edilizia nella bufera: l’USKOK, l’Ufficio nazionale anticorruzione ha sollevato l’atto d’accusa nei confronti di 7 persone perché sospettate di corruzione nell’ambito del caso legato alla costruzione dell’hotel “Villa Harmony” a Spalato. Come si apprende, il sospettato numero uno è Josip Bienenfeld, direttore del Settore autonomo per gli affari giuridici preso il Ministero dell’Edilizia. Su d lui e alle latte 6 persone fermate, pende l’accusa per reati di ricettazione, favoreggiamento, corruzione, abuso di ufficio e autorità, incitamento all’abuso d’ufficio, falsificazione di documenti e incitamento alla falsificazione di documenti ufficiali.

Facebook Commenti