Croazia. La DAD è possibile. Decideranno i fondatori

0
Croazia. La DAD è possibile. Decideranno i fondatori
Foto: Pixsell

Da lunedì 15 novembre tutti i dipendenti nelle scuole avranno l’obbligo di esibizione dei green pass. I giornalisti hanno voluto sapere come e dove verrà organizzato il test per coloro che non sono vaccinati e non hanno avuto il Covid. “Il metodo mediante il quale verrà organizzato il tutto lo sapremo esattamente tra qualche giorno. Dovranno esserci alcune decisioni che regoleranno tutto l’iter. Non appena avremo dei dati più concreti, anche riguardanti i numeri dei tamponi necessari, informeremo l’opinione pubblica”, ha dichiarato il ministro Radovan Fuchs.
Gli ultimi 10 giorni gli alunni sono rimasti a casa, in quanto dopo le brevi vacanze autunnali, giovedì e venerdì scorsi le lezioni si sono svolte online, per prolungare la permanenza lontano dai banchi di scuola. Al ministro è stato chiesto se questa decisione ha fatto sì che il numero dei contagi tra i ragazzi diminuisse. “Purtroppo eventuali effetti positivi saranno visibili tra qualche settimana. Per il momento possiamo dire che il numero dei contagi è purtroppo aumentato del 20% in questi giorni tra i docenti ma anche tra i ragazzi. Teniamo di conto dei dati giornalieri che sono stati verificati con i test PCR, ma non sappiamo quanti siano quelli rimasti a casa senza avere contattato il medico, in quanto hanno dei sintomi lievi. Per quanto riguarda i test che verranno eventualmente fatti a scuola, nei prossimi giorni definiremo quante volte avranno luogo e quanti tamponi verranno assicurati per ogni ente. Parlando dell’eventuale didattica a distanza, se i numeri continueranno a salire, questo non riguarderà tutte le scuole, ma soltanto quelle che avranno un maggior numero di contagiati. In ogni momento il direttore potrà contattare la Task force regionale e, in collaborazione con il fondatore decidere se passare alla DAD”, ha concluso Radovan Fuchs. “Sono contento del fatto che il ministro abbia dato luce verde per quanto riguarda la scuola in presenza – ha detto Zlatko Komadina, zupano della Regione litoraneo-montana –, perché non è tanto il problema dei ragazzi positivi che preoccupa, quanto il fatto che circolando rischiano di contagiare gli adulti che non sono vaccinati”.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.

No posts to display