Croazia. Funerali e matrimoni senza restrizioni

Terzo giorno consecutivo senza nuovi contagi

Il centro storico di Ragusa (Dubrovnik) come non eravamo abituati a vederlo negli anni passati, con molta meno gente. Foto Grgo Jelavic/PIXSELL

Per il terzo giorno consecutivo in Croazia non si registrano nuovi casi di coronavirus. Lo ha reso noto il Comando nazionale della Protezione civile, nel cui comunicato quotidiano si legge che dall’inizio dell’epidemia sono state sottoposte a tampone 64.266 persone, di cui 584 nelle ultime 24 ore. Sono 2.244 i cittadini croati che hanno finora contratto la malattia. Ad oggi hanno sconfitto il Covid-19 2.047 pazienti, ossia uno in più rispetto a ieri. Attualmente sono ricoverati nelle strutture ospedaliere 38 persone, di cui 6 hanno bisogno di essere attaccate al respiratore. Il numero delle persone che hanno perso la vita a causa dopo aver contratto il coronavirus è fermo a 101.
Intanto, la task force nazionale ha decretato oggi una nuova serie di allentamenti delle misure restrittive. Così dal 29 maggio viene abolita la decisione secondo la quale ai funerali possono partecipare soltanto i familiari più stretti. D’ora in poi il numero di partecipanti al ritorno funebre non è limitato, ma si consiglia il rispetto della distanza sociale e l’attuazione delle misure igienico-sanitarie. Stesso discorso anche per i matrimoni, che da venerdì 29 maggio potranno essere celebrati senza alcuna restrizione.
Infine, sabato riprendono gli sport all’aperto, come il calcio, ma senza la presenza del pubblico, mentre  dal 13 giugno sarà possibile giocare anche nelle palestre.

Facebook Commenti