Croazia. Contagiati altri tre medici. «Irresponsabili»

A detta del direttore dell'Ospedale Rebro di Zagabria, sarebbero stati a sciare in Austria e non lo avrebbe reso noto, continuando a lavorare

L'Ospedale Dubrava di Zagabria. Foto Marko Prpic/PIXSELL

Tra le 65 persone contagiate in Croazia ci sono anche 6 medici. Il ministro della Salute, Vili Beroš, ha annunciato che tra i 9 nuovi casi registrati oggi, martedì 17 marzo, ci sono anche tre dottori: uno dell’Ospedale psichiatrico Vrapče (Zagabria) e due del CCO di Zagabria.
Il direttore dell’Ospedale Rebro di Zagabria, Ante Ćorušić, ha definito “irresponsabili” i medici che non hanno reso noto di essere andati a sciare in Austria. “Tra di loro ci sono anche i tre contagiati. Ci saranno pesanti sanzioni nei loro confronti”, ha dichiarato Ćorušić. “A causa loro – ha proseguito il direttore dell’Ospedale -, il 3% del personale medico, ossia 140 persone, è costretto all’autoisolamento”.
Il coronavirus arriva in altre due Regioni
Intanto, il Covid-19 penetra anche in altre due zone della Croazia: si tratta della Regione di Krapina e dello Zagorje (nel nord-est del Paese) e in quella di Slavonski Brod e della Posavina (a 70 km a sud-est di Zagabria). “Si tratta di persone che sono tornate dall’Austria e che sono tornate a casa lo scorso fine settimana”, hanno dichiarato gli epidemiologi.

Facebook Commenti