Croazia. Bimbo di 5 anni muore dimenticato in auto dal padre

La BMW in cui il bimbo di 5 anni ha perso la vita. Foto: Facebook

Una tragedia che ha dell’assurdo. A Knin (Tenin) un papà dimentica in auto il figlio di 5 anni e il piccolo muore dopo essere rimasto per diverse ore chiuso in macchina sotto il sole. Questa mattina padre, madre e il figlioletto sono partiti da casa a bordo della loro macchina. Il papà, soldato di professione, ha portato la moglie al lavoro e prima di recarsi in caserma avrebbe dovuto lasciare il piccolo all’asilo. Però il bambino all’asilo non è mai arrivato. Si presume che l’uomo sia andato al lavoro non rendendosi conto che il piccoletto stava dormendo sul sedile posteriore. Ha parcheggiato l’automobile ed è andato in caserma. Il figlioletto è rimasto chiuso nell’auto. La temperatura oggi a Knin ha superato i 28 gradi all’ombra. Non è dato sapere per il momento se il bambino si sia svegliato e abbia tentato di chiamare aiuto. Si sa soltanto che l’automobile era parcheggiata nei pressi di un’area in cui vengono eseguiti dei lavori edili e pertanto anche se il bimbo avesse gridato nessuno lo avrebbe potuto sentire. Inoltre i vetri della macchina erano oscurati; difficile pure accorgersi del piccolo che si trovava all’interno del veicolo. Alle 15 la madre si è recata all’asilo per prendere il figlio scoprendo che il piccolo non vi era mai arrivato. L’educatrice le ha detto, infatti, che il bambino stamattina non era venuto all’asilo. La donna ha chiamato immediatamente il marito dettosi convinto di aver lasciato il figlio all’asilo. Sono state pure esaminate le telecamere di sorveglianza dell’istituzione prescolastica. Quando il padre si è reso conto di non aver lasciato il bambino all’asilo, è corso verso l’automobile dove ha trovato il figlioletto privo di sensi. Ha tentato di rianimarlo ma per il piccolino non c’era più nulla da fare. L’uomo, secondo alcuni testimoni, sarebbe poi svenuto. Sul posto sono arrivati il Pronto soccorso e la Polizia che ha effettuato il sopralluogo e avviato le indagini.

Facebook Commenti