Croazia a tutto gas sul pass vaccinale

Il green pass o passaporto Covid

La Croazia sta lavorando a tutto gas sul pass vaccinale, che dovrebbe permettere ai turisti vaccinati o che sono guariti dal Covid di raggiungere in tutta tranquillità le località di villeggiatura sulla sponda orientale dell’Adriatico. Secondo la fonte governativa sentita dal sito index.hr, il green pass dovrebbe entrare in vigore agli inizi del mese di giugno.
“L’idea è che il passaporto sia digitale, ossia sarà realizzata una app che genererà un codice QR, che conterrà i dati sul viaggiatore, ossia il nome e il cognome, la data di vaccinazione, quella di guarigione dalla malattia e la data in cui l’utente è stato sottoposto al tampone”, spiega il funzionario governativo. Tutto il processo è stato affidato al Ministero della Salute.
La Croazia è uno dei 13 Paesi che hanno già concordato i criteri per l’emissione del pass vaccinale. Nell’iniziativa sono incluse, infatti, Italia, Slovenia, Austria, Bulgaria Cipro, Danimarca, Francia, Germania, Grecia, Malta, Portogallo e Spagna, mentre sui criteri da adottare dovrebbe esprimersi a breve anche la Commissione europea.
Il pass vaccinale, definito l’ancora di salvezza dell’imminente stagione turistica, dovrebbe consentire ai suoi possessori di non doversi sottoporre a quarantena durante le vacanze.

Facebook Commenti