Croazia: 6 nuovi casi e 3 morti. «Turismo fondamentale»

I membri dell'Unità di crisi della Protezione civile nazionale: Alemka Markotic, Davor Božinović e Vili Beroš. Foto Josip Regovic/PIXSELL

Sono 6 i nuovi casi di Covid-19 registrati nelle ultime 24 ore in Croazia, mentre nel contempo tre persone hanno perso la battaglia contro questa malattia che finora ha fatto registrare nel Paese 2.213 contagi e 94 decessi. Per quanto riguarda quest’ultimi, ieri sono morti tre pazienti affetti dal coronavirus: un uomo di 83 anni ricoverato alla Clinica per le malattie infettive “Fran Mihaljević” di Zagabria, una donna di 84 anni a Koprivnica e una paziente 93.enne a Spalato.
Sempre durante l’incontro stampa si è tornato a parlare di confini e della loro riapertura. “Riavviare il turismo – questo è il nostro obiettivo senza però sottovalutare i rischi epidemiologici. Siamo in contatto con le istituzioni europee e con i Paesi confinanti dai quali arrivano i nostri ospiti”. Lo ha dichiarato il ministro degli Interni e responsabile dell’Unità di crisi della Protezione civile nazionale Davor Božinović, il quale ha aggiunto inoltre che la polizia di frontiera consentirà l’entrata in Croazia a coloro che hanno effettuato la prenotazione presso impianti turistici.

Facebook Commenti