Croazia. 105 contagiati. Chiuso l’aeroporto di Dubrovnik (Ragusa)

26.02.2020., Koprivnica - U Opcoj bolnici odrzan radni sastanak s ravnateljstvom i lijecnicima i predstavnicima Zavoda za javno zdravstvo BBZ vezan uz koronavirus. zupanije. Opca bolnica u kontaktu je s Ministarstvom zdravstva i primjenjuje sva uputstva koja im stizu. Tragom toga u bolnici je organizirana i karantena, soba za izolaciju sa dva kreveta. Photo:Damir Spehar/PIXSELL

Continua a crescere in Croazia il numero delle persone contagiate dal coronavirus. Ce ne sono 105, ossia 6 in più rispetto alla mattinata odierna. Nella Regione litoraneo-montana i contagi sono 13, in quella istriana invece 11. La Regione con il maggior numero di persone affette dal coronavirus è quella di Zagabria che ne conta 47. Le condizioni di salute di tutti i pazienti sono stabili. In autoisolamento si trovano circa 12.700 persone e 79 sono in quarantena. Il ministro della Sanità Vili Beroš ha confrontato la situazione in Croazia con quella in Italia dal primo al 24.esimo giorno dell’epidemia di Covid-19. In detto periodo in Croazia i malati sono 105 mentre in Italia ce n’erano 27.747. „È evidente che le misure attuate in Croazia per contenere il virus sono efficaci“. Lo ha sottolineato Beroš aggiungendo come finora sia stati effettuati 1.399 tamponi. Tra breve i test di Covid-19 non verranno fatti esclusivamente a Zagabria. Infatti si stanno allestendo laboratori anche a Fiume, Osijek e Spalato.
L’aeroporto di Dubrovnik (Ragusa) è stato chiuso dopo che una donna delle pulizie è risultata positiva al test del coronavirus.
Fatto sapere inoltre che si può fare attività sportiva e motoria all’aperto rispettando la distanza interpersonale di almeno un metro.

Facebook Commenti