Covid. Serracchiani: «Controllare anche valichi minori con Slovenia»

Interrogazione al ministro Lamorgese su ingressi da Paesi a rischio

Il confine tra Italia e Slovenia nei pressi di Cosina (Kozina)

“Un piano straordinario con controlli immediati da parte delle Forze dell’Ordine anche sui valichi minori tra Italia e Slovenia, con la previsione di tamponi e test sierologici, d’intesa con le Autorità sanitarie nazionali e regionali preposte”. E’ quanto chiede in un’interrogazione la deputata Debora Serracchiani al ministro dell’Interno Luciana Lamorgese, a seguito della diffusione dei contagi da coronavirus nei Paesi dei Balcani entrati nell’elenco di quelli a rischio da cui è vietato l’ingresso in Italia.
La parlamentare rappresenta al ministro che gli “ingressi incontrollati riguardano sia migranti provenienti dalla rotta balcanica sia numerosi cittadini, lavoratori o turisti che attualmente non risulterebbero nelle condizioni di poter fare ingresso in Italia a causa delle restrizioni imposte”. Di qui la richiesta di “controlli al traffico terrestre di frontiera in specie sui cosiddetti ‘valichi minori’ tra Italia e Slovenia”, che “risultano ancora oggi completamente aperti al transito e senza alcun controllo sanitario”.
“A fronte di speculazioni politiche miranti a enfatizzare un solo aspetto del problema – aggiunge Serracchiani – si deve contrapporre la concretezza dei fatti”.

Facebook Commenti