Covid. Quarnero e Gorski kotar: epidemiologi ottimisti

Il Corso, a Fiume, "invaso" dai pensionati. Foto Željko Jerneić

Nella Regione litoraneo-montana la curva epidemiologica sembra essere in discesa. Il condizionale è d’obbligo con la pandemia di coronavirus, in attesa anche della giornata di mercoledì quando i numeri sono sempre più alti. Intanto, però, lunedì e oggi, martedì 27 aprile, il tasso di positività è identico, ossia del 17,8%, molto al di sotto delle percentuali raggiunte nelle scorse settimane.
Nelle ultime 24 ore gli epidemiologi hanno effettuato 1023 tamponi, di cui 182 sono risultati positivi. Il Centro clinico ospedaliero di Fiume, invece, fa sapere che 5 pazienti non sono riusciti a sconfiggere la malattia (il giorno prima erano 6). I ricoveri sono 202 (-5 su ieri), ai quali vanno aggiunti i 33 pazienti degenti alla Thalassotherapia di Abbazia (+1 rispetto a lunedì). E’ aumentato di 5 unità invece il numero delle persone attaccate al respiratore, che ora sono 15.
A detta di Vladimir Mićović, direttore dell’Istituto regionale per la salute pubblica, “sono dati che fanno ben sperare e che dimostrano che la situazione nella Regione litoraneo-montana si sta calmando”. Secondo il membro della task force regionale, c’è ottimismo anche perché  nelle prossime settimane “la campagna vaccinale entrerà ancor più nel vivo”. Finora nel Quarnero e in Gorski kotar sono stati vaccinati con la prima dose 50.000 persone

Facebook Commenti