Covid. Il Cco di Fiume rimanda il 25% degli interventi chirurgici

Infermiere davanti a uno dei centri Covid dell'Ospedale di Fiume. Foto Roni Brmalj

“Da lunedì 15 marzo dobbiamo rimandare almeno il 25% degli interventi chirurgici”. Lo ha detto il direttore del Centro clinico ospedaliero (Cco) di Fiume, Alen Ružić ai microfoni del canale all news N1. Il motivo? “L’aumento delle ospedalizzazioni dovute al Covid”. Ružić, commentando l’impennata del contagio nel Quarnero e nel Gorski kotar, ha spiegato che in 14 giorni i ricoverati sono più che raddoppiati (da 24 a 52) e “dobbiamo riaprire alcuni reparti Covid che avevamo chiuso a gennaio”. Le terapie intensive sono 11, ma solo 5 pazienti hanno bisogno del respiratore. “Nei prossimi giorni riceveremo ulteriori 12 respiratori, che sono stati acquistati dal Ministero della Salute attraverso i fondi Ue, ma spero che non ci sia il bisogno di metterli in funzione”, ha concluso il direttore del Cco di Fiume.

Facebook Commenti