Zara. Dopo Dimitrov, positivi Ćorić e il trainer di Đoković

Tra i contagiati il prepartore del numero uno al mondo, l'’italiano Marco Panichi, e il coach del tennista bulgaro Kristijan Groh

Grigor Dimitrov e Borna Ćorić al termine del loro match disputato nell'ambito dell'Adria Cui a Zara..Foto: Dino Stanin/PIXSELL
Il tennista bulgaro Grigor Dimitrov è stato il primo, ora si scopre che anche Borna Ćorić ha contratto il conronavirus. L’Adria Tour di tennis a Zara rischia di provocare un focolaio di Covid-19 dalle dimensioni ancora difficilmente valutabili. La notizia è stata confermata da Šime Vicković, a capo della task force della Regione di Zara, il quale ha aggiunto che ad altri due partecipanti al torneo (il preparatore di Đoković, l’’italiano Marco Panichi, e il coach di Dimitrov, Kristijan Groh) è stato diagnosticato il Covid-19. “Stiamo organizzando una struttura in cui saranno sistemate tutte le persone in cui saranno ospitate tutte le persone positive e quelle che sono venute a contatto cn loro” ha aggiunto Vicković.
Subito dopo è arrivato anche il post su Facebook di Borna Ćorić, il quale ha giocato a Zara contro Dimitrov, che dopo questo match ha deciso di tornare a Montecrlo, dove ha scopetto di essere infettato. “Voglio informarvi di essere risultato positivo al Covid-19. Invito tutti coloro che sono stati nelle mie vicinanze negli scorsi giorni a sottoposti al tampone. Mi dispiace se ho causato problemi. Sto bene e sono asintomatico. Prendete cura di voi. Vi mando  tanto amore”, scrive il tennista croato.

Intanto Andrey Rublev, il numero 14 del mondo che avrebbe dovuto affrontare Đoković nella finale di domenica sera, ha annunciato su Twitter di volersi mettere in quarantena per le prossime due settimane: “Quello che succede nel mondo è una nostra responsabilità e questo è un problema globale che riguarda tutti noi. Dobbiamo aiutare tutti a ridurre la diffusione del virus. Per questo motivo ho deciso di mettermi in isolamento per i prossimi 14 giorni” ha scritto il russo sul suo profilo Twitter. Rublev è tra i 22 testati a Zara dopo la positività di Dimitrov: visto che è risultato negativo, le autorità gli hanno concesso di fare ritorno a casa.

Facebook Commenti