Costa croata in arancione: «La stagione turistica potrebbe fermarsi»

Foto: Grgo Jelavic/PIXSELL

Una notizia che molti temevano, ma nessuno pensava potesse arrivare già a metà luglio. Stiamo parlando della Mappa del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) che ha colorato di arancione tutta la costa croata, ossia l’Istria, il Quarnero e tutta la Dalmazia fino a aRagusa (Dubrovnik).
“Non è che non me l’aspettassi, ma già a metà luglio siamo in arancione. E il passo verso il rosso è molto breve”. Lo dice Veljko Ostojić, direttore dell’Assoturismo croata. “L’arancione è un avvertimento e se non cambiamo rotta per quanto concerne il rispetto delle misure epidemiologiche, la stagione turistica potrebbe finire molto presto”.
Stipe Jeličić dell’Associazione dei ristoratori di Spalato è disperato: “Il turismo rappresenta il 20% del Pil croato e non capisco perché la gente rifiuta il vaccino, mettendo così in crisi non solo il settore turistico, ma tutta l’economia croata”.

Facebook Commenti