Coronavirus. Il FVG dichiara lo stato d’emergenza

Piazza Ponterosso a Trieste

“Il vicegovernatore con delega alla Protezione civile del Friuli Venezia Giulia, d’intesa con il governatore, ha siglato lo stato di emergenza fino al prossimo 31 luglio per fronteggiare il rischio sanitario da coronavirus, anche in considerazione dei primi casi di contagio nel territorio italiano e in particolare nella vicina regione del Veneto ed in esito della riunione del Comitato operativo di Protezione civile avvenuta oggi”, si legge sul sito della Regione Friuli Venezia Giulia.
Con il decreto dello stato di emergenza la Regione potrà adottare una procedura più agile per l’acquisto di beni, servizi e forniture attraverso un affidamento diretto senza indagini di mercato sopra e sotto soglia comunitarie, per tutto ciò che è necessario per affrontare l’emergenza. In prima battuta la misura è utile per disporre di risorse tali da consentire, ad esempio, di mettere a disposizione le strutture nel caso in cui si rendesse necessario adottare l’isolamento.
“Il Friuli Venezia Giulia sta mettendo in campo tutte le proprie migliori risorse per farsi trovare pronto nella malaugurata ipotesi in cui dovessero verificarsi casi di coronavirus in regione – ha dichiarato Fedriga -. La Regione ha chiesto al governo di potenziare i controlli ai confini, estendendo di fatto ai traffici su gomma e su rotaia i protocolli già attivati per le linee aeree e marittime”.
Cinese in quarantena a Monfalcone
Intanto, si registra ilpPrimo caso in Friuli Venezia Giulia di quarantena per accertare l’eventuale contagio da coronavirus dopo un viaggio dalla Cina, scrive il sito del Piccolo di Trieste. Una donna di origine cinese che vive e lavora a Monfalcone è stata presa in carico nella mattinata di oggi (sabato 22 febbraio) da un’équipe dell’azienda sanitaria universitaria giuliano isontina.

Facebook Commenti